L'incanto del Natale a Pietrasanta

Speranza, gratitudine ed incanto. Sono questi i messaggi partiti da Pietrasanta in occasione dell’accensione del grande abete naturale (14 metri) in Piazza Duomo in diretta Instagram su @PietrasantaEventi.

Albero di Natale Piazza Duomo

Messaggi che ha ribadito il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti che come molti concittadini ha dovuto affrontare un lungo periodo di quarantena: “Natale sia momento di riscatto e di rinascita per tutti noi. Ma sia anche un momento speciale per ricordare chi ha perso la battaglia contro il virus, un momento di gratitudine dei confronti di medici e personale sanitario" ha ricordato il primo cittadino. Il nostro augurio è che tra alcuni giorni tutti possano godere di queste bellissime atmosfere che abbiamo creato, delle installazioni, delle luminarie e degli abeti che sono vettori di gioia, calore e speranza senza dimenticare. Una città illuminata è una città che vive e che diffonde energia”.

Pietrasanta punta per queste festività su incanto ed emozioni con un allestimento semplice e caldo tra abeti naturali, la Casa di Babbo Natale, orsi giganti e stelle comete luccicanti, glitter e luminarie avvolgenti che esaltano la bellezza della sua città dal centro storico alla Marina passando per le frazioni. Sono oltre 20 gli abeti addobbati nelle frazioni.

Teddy Bear allestimento Natale

Fondamentale nel sostenere i costi dell’allestimento delle luminarie è stato il contributo degli sponsor. L’abete di Natale in Piazza Duomo è stato regalato alla città dall’azienda speciale farmaceutica comunale, la stella cometa gigante in Piazza Matteotti da Conad mentre l’illuminazione della Marina da GBC Marmi. “Come amministrazione siamo vicini alle attività produttive che sono state colpite dalla pandemia e che hanno bisogno, questa volta più che mai, di tutti noi" ha spiegato l’assessore agli eventi, Francesca Bresciani che ha coordinato tutti gli allestimenti. "Il Covid ha cambiato inevitabilmente i nostri piani. Le restrizioni non ci consentono di allestire attività ed eventi come ci sarebbe piaciuto e che sono certa sarebbero state molto apprezzate da cittadini e turisti. Ma non per questo rinunceremo a sostenere le imprese e le attività commerciali. Il nostro sarà un Natale di semplicità e di speranza”.

Albero di Natale di Tonfano

Il futuro dei 5 milioni di stelle di Natale prodotte in Versilia dipenderà dal “peso” delle restrizioni anti-Covid. Se ci sarà un allentamento nella possibilità di movimento dei consumatori e una deroga all’apertura dei punti vendita, la Stella di Natale continuerà a portare nelle case degli italiani colore, festa e magia, in caso contrario sarà un disastro economico per una cinquantina di aziende locali e per un settore che genera un volume d’affari tra i 15 e 20 milioni di euro.

Stella di Natale glitterata

La dead line è quella del 25 dicembre. Il rischio è di essere costretti a mandare al macero milioni di esemplati e mesi di lavoro ed investimenti. A dirlo è Coldiretti Lucca alla luce degli effetti delle misure per contrastare il contagio. “Quasi 5 milioni di stelle di Natale, un terzo dell’intera produzione nazionale è prodotto in Versilia, – spiega Andrea Elmi, Presidente Coldiretti Lucca – rischiano di andare al macero se queste continueranno anche nelle prossime settimane ad essere le misure restrittive. Da tutelare c’è il futuro di un comparto che per il sistema agricolo della Toscana è centrale dal punto di vista economico, sociale e storico. Il settore non si può permettere un altro terremoto economico come quello del lockdown. Non sarebbe capace di assorbirlo in così breve tempo”.

Lo scorso anno almeno una famiglia su due aveva acquistato, secondo una proiezione di Coldiretti, una stella di Natale. Rosse, bianche ma anche…glitterate. Una varietà, quella glitter, naturale che piace sempre di più agli italiani. “La speranza – commenta ancora Elmi – è che ci sia un allentamento delle restrizioni. La vendita nei soli mercati di Campagna Amica non può essere sufficiente per smaltire una produzione che a livello nazionale è quasi di 15 milioni. Allo stato attuale c’è molta preoccupazione. Nelle serre, nella nostra Versilia, ci sono milioni di esemplari pronti per essere commercializzati ma molto dipenderà dai prossimi giorni. Da qui il nostro invito alle istituzioni a fare di tutto per garantire uno svolgimento il più possibile normale, in sicurezza e nel rispetto di tutti i protocolli, delle prossime festività anche con il prolungamento”.

Per informazioni www.lucca.coldiretti.it  oppure pagina ufficiale Facebook

The Versilia Lifestyle è una testata giornalistica iscritta al Tribunale di Lucca n. 3 2018
Direttore Responsabile
Isotta Boccassini
Editore Associazione Culturale più informati più sicuri
Via San Giorgio, 53 – 55100 Lucca – P.i. 02437380468
Design by
Copyright @2020 The Versilia Lifestyle - Privacy Policy